11^ giornata. Le Fiamme pareggiano 24-24 con Rovigo e restano in zona playoff

Guidi: «Partite come queste sono paragonabili ad una semifinale playoff. Sono contento, perché la mia squadra ha risposto da “persona vera” ed è molto importante perché, nella vita, bisogna far parlare i fatti e non le parole. Con questo match è sicuramente cresciuta la consapevolezza di essere un team che può ambire a certi traguardi e che, ne sono sicuro, renderà la vita dura a tutti».

Roma – Finisce in parità, 24-24, il big match dell’11^ giornata di Eccellenza tra le Fiamme Oro Rugby e la FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta.

È stata una vera e propria battaglia sul campo quella tra i Cremisi e i polesani, con il XV della Polizia di Stato costretto a rincorrere quasi da subito perché già sotto di tredici punti dopo poco più di un quarto d’ora, a causa di alcune ingenuità difensive. Ma la squadra allenata da Gianluca Guidi è riuscita, nonostante tutto, a non abbattersi e ha tirato fuori il carattere che le è diventato proprio, riuscendo anche a ribaltare le sorti del match alla fine della prima frazione di gioco, chiusa in vantaggio di due punti. I continui capovolgimenti di fronte e il gioco, duro ma sempre corretto, da ambo le parti, hanno invece caratterizzato il secondo tempo, chiuso poi in pareggio allo scadere con un calcio di punizione.

«Partite come queste – ha commentato al termine del match il coach delle Fiamme, Gianluca Guidi – sono paragonabili ad una semifinale playoff, molto intense e dove al primo errore arriva subito la punizione. Siamo partiti con un handicap che avrebbe fatto desistere chiunque, andando sotto per due nostre ingenuità, ma poi abbiamo rimontato segnando due belle mete e senza mai mollare nell’alternanza dei punti. Potevamo anche segnare nell’azione dalla quale è scaturito il calcio del pareggio: sono due punti veri, sudati e ampiamente meritati contro una squadra forte, ma davanti alla quale siamo ben riusciti a mantenere il nostro gioco. Sono contento, perché la mia squadra ha risposto da “persona vera” ed è molto importante perché, nella vita, bisogna far parlare i fatti e non le parole. Con questo match è sicuramente cresciuta la consapevolezza di essere un team che può ambire a certi traguardi e che, ne sono sicuro, renderà la vita dura a tutti. Il nostro prossimo ostacolo si chiama Calvisano: sarà una partita durissima, avremo alcuni giocatori importanti infortunati e altri che seguiranno le varie Nazionali. La prossima settimana sarà tutta dedicata a preparare il match con i Campioni d’Italia».

Con la partita di oggi, le Fiamme, che tra campionato e coppa fanno salire a 8 i risultati utili consecutivi, conquistano due punti e mantengono la quarta posizione a quota 34, con il San Donà, oggi vittorioso in trasferta a Firenze, che da dietro incalza ad una sola lunghezza e il Viadana, che ha battuto la Lazio, sesto ma con soli tre punti di svantaggio.

Prossimo impegno per il XV della Polizia di Stato in trasferta sabato 17 febbraio a Calvisano contro i Campioni d’Italia

La cronaca

Pronti, via e sono gli ospiti a mettere avanti per primi la testa con Mantelli dalla piazzola, per poi allungare al 10’ con Cioffi che, durante un’azione d’attacco delle Fiamme, intercetta un passaggio e va a segnare in solitaria. Il Rovigo allunga ancora al 17’ sempre con una punizione di Mantelli, ma tre minuti dopo arriva la reazione dei padroni di casa: calcio in box di Luca Roden, Junior Ngaluafe (oggi man of the match) raccoglie e va a schiacciare sotto ai pali; Luca Roden trasforma e porta i cremisi a -6. Al 34’, arriva un’altra meta per le Fiamme e sempre sull’asse Roden-Ngaluafe: il numero 10 passa il pallone all’estremo che con un grabber supera gli avversari, si impossessa di nuovo dell’ovale, mette a segno altri cinque punti e fa 12-13. In chiusura della prima frazione, arriva il vantaggio per il XV della Polizia di Stato con una punizione di Luca Roden che manda le squadre negli spogliatoi sul 15-13. Al rientro in campo, il Rovigo va di nuovo in meta dopo quattro minuti con l’ex di turno, Guido Barion, che sfrutta un’altra ingenuità difensiva dei ragazzi di Guidi ed è nuovo vantaggio per i “Bersaglieri”: 15-18. Le due squadre continuano a darsi battaglia sul campo e al 56’ arriva il nuovo pareggio, sempre con Luca Roden e sempre dalla piazzola: 18-18. Passano solo tre minuti e di nuovo il Rovigo mette la testa avanti con un calcio di punizione di Mantelli, al quale risponde di nuovo Luca Roden, che impatta lo score di nuovo al 66’. Sembra ormai un affare solo tra i due calciatori, perché al 74’ è di nuovo Mantelli a segnare altri tre punti per i suoi. Da questo momento inizia un vero e proprio assalto all’area dei 22 del Rovigo, con le Fiamme che spingono fino alla fine, ma non riescono a trovare il guizzo per andare in meta. Sembra quasi finita, quando l’arbitro Vivarini fischia un fallo ai rossoblu e Luca Roden si incarica del calcio: l’apertura neozelandese centra i pali e l’incontro si chiude sul 24-24.

Roma, Caserma “Stefano Gelsomini” – Sabato 27 gennaio 2018

Campionato di Eccellenza – XI giornata

Fiamme Oro Rugby v FEMI-CZ Rugby Rovigo 24-24 (12-13)

Marcatori:p.t. 3’ cp Mantelli (0-3), 10’ m. Cioffi tr Mantelli (0-10), 17’ cp Mantelli (0-13), 20’ m. Ngaluafe tr Roden (7-13), 34’ m. Ngaluafe (12-13), 39’ cp Roden ; s.t. 44’ m. Barion tr Mantelli (15-18), 56’ cp Roden (18-18), 59’ dp Mantelli (18-21), 67’ cp Roden (21-21), 73’ cp Mantelli (21-24), 80’+4’ (24-24)

Fiamme Oro Rugby: Ngaluafe; Sepe, Seno, Quartaroli (53’ Gabbianelli), Bacchetti; Roden, Calabrese; Amenta (56’ Licata), Bianchi, Cristiano (74’ Cornelli); Caffini, Fragnito; Di Stefano (26’ Iacob), Moriconi (61’ Kudin), Cocivera (50’ Zago).

All. Guidi

FEMI-cz Rugby Rovigo Delta: Odiete; Barion, Davies, Van Niekerk, Cioffi; Mantelli, Chillon; De Marchi, Lubian, Zanini (54’ Ferro); Parker, Boggiani (61’ Ortis); D’Amico, Momberg (cap.), Brugnara.

All. McDonnell

arb. Vivarini (Padova)

g.d.l.Passacantando e Bonacci

4° uomo: Salvi

Calciatori: Mantelli (Rugby Rovigo Delta) 4/5, Roden (Fiamme Oro Rugby) 5/6

Note: Giornata soleggiata. Spettatori: ca 1100. Come in tutte partite contro la Rugby Rovigo Delta, le Fiamme ritirano la maglia numero 10 per onorare la memoria di Stefano Casotti, mediano d’apertura di entrambe le squadre, scomparso prematuramente in un incidente stradale nel 1995.

Cartellini: –

Man of the Match: Junior Ngaluafe (Fiamme Oro Rugby)

Punti conquistati in classifica: Fiamme Oro Rugby 2 Rugby Rovigo Delta 2

27 gennaio 2018

Cristiano Morabito – Media manager Fiamme Oro Rugby

Articoli simili

La formazione per il match di Trofeo Eccellenza co… Guidi: «La partita di sabato sarà un ulteriore step di crescita per noi. Anche stavolta effettueremo un po’ di turn over tra i giocatori, ma senza str…

Fiamme sconfitte di misura a Chambéry nel primo te… Castagna: «Certamente non si può essere contenti di una sconfitta in qualunque modo essa arrivi, ma ho visto un’ottima risposta in campo dai ragazzi c…

Nazionale, Brunel chiama Simone Marinaro e Maicol … (Simone Marinaro e Maicol Azzolini)Roma – Sono 38 i giocatori convocati dal Commissario tecnico della Nazionale italiana di Rugby, Jacques Brunel, pe…

Un terzo tempo con le Fiamme… al cinema COMUNICATO STAMPA FIAMME ORO RUGBYUN TERZO TEMPO CON LE FIAMME… AL CINEMA Roma – Sabato 31 agosto, alla 70^ Mostra internazionale di arte cinem…

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere tutti gli aggiornamenti sugli eventi e le iniziative organizzate dallo staff di SPQRugby, la Repubblica della palla ovale a Roma.

100% Privacy, niente spam o promozioni.